Author Archives: Corrado Cantoni

3 Comments

Il giorno sabato 3 OTTOBRE 2015 l'anno scout ricomincia aspettando tutti i vecchi iscritti e anche tutti coloro che hanno voglia di provare nuove e scoppiettanti avventure! Quindi non potete assolutamente mancare!! Le attività si svolgeranno regolarmente presso la nostra sede di Ravadese ( Via Burla 282, Parma) dalle ore 15,30 alle 18,00.

Se hai voglia di provare, ma non sei ancora iscritto, allora ti ricordiamo di visitare la nostra pagina INFO & CONTATTI dove potrai trovare tutte le informazioni utili!!!

Tanti volti, una sola prommessa

logosg

Lo scorso week end tutta la Sezione di Parma si è ritrovata a festeggiare il nostro patrono San Giorgio, il valoroso cavaliere che in nome di quegli ideali di coraggio, impegno e lealtà riuscì a uccidere il drago.

Quest’anno però non eravamo soli in questa celebrazione, perché a farci compagnia c’era anche tutta la Sezione di Cremona, che ha condiviso con noi due intensi ed emozionanti giornate!

fuocosg

Un tema comune: la diversità come fonte di arricchimento!

diversity poste5 primDomenica 23 febbraio la sezione di Parma si è riunita tutta per celebrare l'anniversario della nascita del fondatore degli scout Lord Baden  Powell e di sua moglie Olave.

Abbiamo trascorso l'intera giornata giocando all'aria aperta per aiutare il proprietario di un  mostruoso "hotel Transylvania" ad organizzare la festa di sua figlia. Anche se all'inizio la collaborazione con i "mostri" non è stata delle più facili, abbiamo capito che la diversità non è solo la somma delle singole differenze, ma acquista un valore aggiunto intrinseco, che non va solo tollerato ma celebrato ogni giorno!

Come siamo soliti fare ogni anno abbiamo anche raccolto il "Penny" (una simbolica offerta) che di anno in anno devolviamo ad un'associazione differente e questa volta abbiamo deciso di  offrire il ricavato al Centro Antiviolenza di Parma.

Clicca QUI per leggere la lettera di ringraziamento del Centro Antiviolenza.

labcompitiRobbo e Claudia hanno presenziato all'incontro organizzato dal laboratorio famiglia oltretorrente dove ogni associazione ha potuto presentare al sindaco il lavoro svolto con il laboratorio compiti.

Un bel momento di visibilità per noi!!
Grazie al nostro Presidente e a Robbo!!

Nicolò ci segnala anche questo link di Repubblica Parma, dove poter vedere le altre foto dell'incontro. http://parma.repubblica.it/cronaca/2013/04/22/foto/laboratorio_famiglia_4_candelina-57239972/1/

La grande festa di "Ravadanza" è ormai alle porte..... Dame e Cavalieri, non perdete tempo, agghindatevi col vostro miglior vestito e salite sulle vostre carrozze.... L'invito ufficiale sarà inviato a breve alle vostre dimore o lo potete leggere dal paggio "circolari",
Il Gran Ballo vi aspetta

Fraterni saluti
Madame de Pompadour, Madame de la Rochelle, M. Cuvary, M. Delamant

“Si è sempre dato per scontato che Venezia è la città ideale per una luna di miele, ma è un grave errore. Vivere a Venezia, o semplicemente visitarla, significa innamorarsene e nel cuore non resta più posto per altro.”
È così che Peggy Guggenheim descrive Venezia e non possiamo darle torto!

La tradizione vuole che Venezia sia stata fondata nel 421 d.C. Molti veneti, per sfuggire ai goti che attraversarono il Veneto per andare a Roma saccheggiando e distruggendo tutto, si rifugiarono nella laguna, costruendo così questa città.
Dopo averla visitato per il lungo e il largo ormai conosciamo ogni suo calle, ogni suo canale, ogni suo ponte. Ognuno con la sua magia.
Abbiamo visitato Murano e assistito a 2 dimostrazioni sulla lavorazione del vetro nelle fornaci, siamo rimasti incantati dalla bellezza della chiesetta di Santa Maria dei Miracoli,  abbiamo visitato San Marco e passeggiato nella piazza in mezzo ai tanti piccioni. Siamo passati sul ponte dei sospiri,visitato le vecchie prigioni e fantasticato nel grande palazzo Ducale, siamo pure riusciti a vedere Venezia dall’alto della torre… splendida!
Abbiamo lasciato un desiderio attaccato all’albero dei desideri della villa di Peggy Guggenheim oggi organizzata a museo, dove abbiamo potuto apprezzare dei Picasso, Magritte, Dalì e Kandinsky (oltre alla sua tomba posizionata vicina alle tombe dei suoi tanti cagnolini).
Ed infine abbiamo giocato con l’accattivante libro “Venezia The Ruyi” che ci ha fatto scoprire la magica città tramite una sorta di caccia al tesoro:  sul finire del duecento Marco Polo torna dalla Cina con il Ruyi, il leggendario scettro trafugato all’imperatore Qubilai Khan. Dopo la sua morte, la Repubblica veneziana occulta il magico oggetto nella tomba del viaggiatore. Oggi tomba e scettro sono scomparsi. Un vecchio professore veneziano, Carlo Dolfin, ha trovato nel suo archivio di famiglia dei documenti essenziali al ritrovamento del Ruyi: il nostro compito è stato quello di aiutarlo nella ricerca, prima che cadesse in mani sbagliate...

Insomma ci siamo divertiti!!